Privacy policy bar Show more

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, cliccando in un'area sottostante o accedendo ad un'altra pagina del sito, acconsenti all’uso dei cookie. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la pagina Privacy

Calendario eventi







Programma Triennale Offerta Formativa






Collegamenti Veloci
Incontro Istituti superiori
Iscrizioni a.s. 2018/2019
Open Day a.s. 2018/2019
Percorsi didattico-formativi

MIGLIORARE L’AMBIENTE DI APPRENDIMENTO CREANDO UN CONTESTO DIDATTICO INCLUSIVO

Chi fa impara 
È un percorso didattico rivolto in modo personalizzato agli alunni che manifestano nel corso dell’anno carenze nella preparazione di base al fine di colmare le lacune evidenziate e migliorare il processo di apprendimento. Si prevedono interventi periodici negli ambiti di italiano e matematica, come rinforzo alle normali attività svolte nelle classi, anche ricorrendo all’utilizzo di software didattici.

La nostra amica Tartaruga
Il progetto, rivolto agli alunni della classe 2A, è centrato sulla conoscenza e sulla comprensione dei sentimenti per conoscere in maniera più profonda e significativa se stessi e gli altri. A partire dalla lettura del libro “La tartaruga che viveva come voleva” di Florence Seyvos, gli alunni sono guidati a riflettere su alcuni sentimenti e valori quali l’onestà, l’amicizia, il rispetto per gli altri, la paura e la gestione della perdita, l’amore per la vita, la felicità con la proposta di attività che gli consentano di raggiungere, a livello didattico, le competenze collegato all’ambito linguistico e all’educazione affettiva (ascoltare e comprendere, riflettere sui testi e partecipare a scambi comunicativi, interagire con insegnante e compagni in modo responsabile, instaurare relazioni positive, saper percepire ed esprimere i sentimenti), in collegamento con il progetto teatrale (“Teatro-Gioco-Vita”). Il percorso sarà documentato attraverso le foto e gli elaborati prodotti dai bambini.

La strada si apre
Il progetto, rivolto agli alunni della classe 2B, costituisce il proseguimento di “Primi passi insieme”, attivato lo scorso anno. Le esperienze di apprendimento costituiscono il filo conduttore dell’esperienza formativa del bambino, che allarga i propri orizzonti di riferimento rispetto allo scorso anno grazie all’apporto di nuovi docenti che intervengono sulla classe. Il percorso prevede a fine anno una lezione aperta e la produzione di un secondo alfabetiere, più multidisciplinare rispetto a quello dello scorso anno, in cui sarà documentato il lavoro svolto nella classe privilegiando la personalizzazione degli apprendimenti e l’utilizzo di metodologie didattiche, come il cooperative learning, efficaci per l’assimilazione dei contenuti proposti in un clima di classe-comunità accogliente e rispettosa delle differenze altrui.

Progetto E - CLIL
- My time, your time. My space, your space 
Il percorso interdisciplinare, rivolto agli alunni della classe 2B, mira a sviluppare la consapevolezza del tempo scuola, delle routine quotidiane, degli spazi a scuola e con i compagni, ad approfondire il concetto di rispetto degli spazi altrui, sia fisici che psichici e ad ideare un canovaccio per la drammatizzazione di queste scoperte ed approfondimenti.
- How animals we are
Il percorso interdisciplinare, rivolto agli alunni della classe 3A, mira a far acquisire informazioni sull’evoluzione degli animali sulla Terra, ad approfondire la classificazione degli animali vertebrati ed invertebrati, a conoscere le cause neurobiologiche delle principali emozioni umane che provengono dalla natura animale e primitiva, a collegare queste conoscenze con le reazioni emotive quotidiane e a cercare soluzioni alternative alle reazioni non volute, personalizzando l’apprendimento attraverso la preparazione di video- lezioni in lingua inglese.

Viaggio nelle Terre di Dentro

È un viaggio immaginario in compagnia di un saggio tutor attraverso luoghi fantastici che rappresentano aspetti della personalità o situazioni sociali. Per ogni “luogo” vengono proposte attività di riflessione ed espressione di tipo cooperativo (che coinvolgono anche abilità linguistiche ed artistiche). Il percorso, rivolto agli alunni della classe VB, già partito lo scorso anno, è finalizzato alla promozione di un clima di classe inclusivo, alla valorizzazione delle diversità presenti nella classe, all’attivazione di atteggiamenti di ascolto di sé e degli altri e alla espressione-drammatizzazione delle proprie esperienze emotive.

Un giorno in città
Il progetto, condotto nelle classi prime-seconde e terze, prevede una serie di laboratori a classi aperte incentrati sulla simulazione di una realtà cittadina (negozi, bar, caffè …) e di percorsi manipolativo-espressivi (orto, giardino delle farfalle, giardino medievale, percorso sensoriale, sito archeologico…) attraverso una rielaborazione metodologica delle discipline centrata ad un diffuso utilizzo delle tecnologie digitali (tablet, LIM, Ipad, Pc…). Quest’anno il progetto propone anche un laboratorio di Coding inteso a promuovere nei ragazzi lo sviluppo del pensiero computazionale come stimolo a percorrere strade nuove per la risoluzione di problemi: i bambini non imparano solo a programmare ma programmano per apprendere.

Biblioteca Amica
Il progetto si struttura in tre percorsi:Gocce di lettura (testi di riferimento: Guizzino – Pezzettino – Giulio Coniglio storie di rabbia e di dolcezza), rivolto alle classi prime;Amici con Sepulveda (testi di riferimento: Storie di un gatto e del topo che diventò suo amico – Storie di una lumaca che scoprì l’importanza della lentezza);Il centenario di Roald Dahl (testi di riferimento: Boy - GGG – Matilde), rivolto alle classi quarte;Arte e lettura (testi di riferimento: Il giardino di Matisse – Vincent Van Gogh giallo oro blu cobalto – Oltre il giardino del signor Monet – Hai mai visto Mondrian?), rivolto alle classi quinte.

La finalità è creare un contesto didattico inclusivo promuovendo il piacere per l’ascolto, la lettura e la conoscenza dei diversi tipi di canale comunicativo: uditivo, visivo, cinestetico, intrapersonale e interpersonale. 
La parte centrale di ogni unità, che si apre e si chiude con giochi, esercizi, canti e saluti in movimento, prevede l’ascolto e l’analisi del testo letto attraverso commenti in circle time, produzioni grafico/pittoriche, drammatizzazioni, animazioni e collegamenti interdisciplinari in sinergia con la progettazione curricolare. 
Il progetto si struttura in tre percorsi rivolti alle classi prime, seconde, quarte e quinte. La finalità è creare un contesto didattico inclusivo promuovendo il piacere per l’ascolto, la lettura e la conoscenza dei diversi tipi di canale comunicativo: uditivo, visivo, cinestetico, intrapersonale e interpersonale. 
La parte centrale di ogni unità, che si apre e si chiude con giochi, esercizi, canti e saluti in movimento, prevede l’ascolto e l’analisi del testo letto attraverso commenti in circle time, produzioni grafico/pittoriche, drammatizzazioni, animazioni e collegamenti interdisciplinari in sinergia con la progettazione curricolare.


UTILIZZARE I LINGUAGGI ESPRESSIVI PER PROMUOVERE LA CONOSCENZA DI SE STESSI E DEGLI ALTRI


Cer-amica per amica
Il progetto rappresenta l’opportunità per gli alunni di utilizzare l’argilla come mezzo espressivo. Attraverso l’attività di manipolazione e modellamento, gli alunni imparano a coordinare il movimento di braccia, mani, dita e a progettare/realizzare un manufatto. Il laboratorio è un luogo di creatività e conoscenza, di sperimentazione, scoperta e auto-apprendimento che promuove nei ragazzi la creatività per aiutarli ad acquisire una mente elastica e non ripetitiva.

Laboratorio d’arte
È un laboratorio condotto da un professore della scuola media a cadenza settimanale nelle classi terze, quarte e quinte; costituisce un approfondimento per educare gli alunni all’utilizzo di diverse tecniche grafico-pittoriche, con particolare attenzione alle correnti artistiche dell’impressionismo, dell’espressionismo e dell’astrattismo. Durante l’anno scolastico gli alunni apprenderanno, attraverso l’arte, come esprimere al meglio le proprie facoltà creative personali, sia in forma individuale che in gruppo.

Emozioni in scena
Curato dalle docenti delle classi quarte e quinte, il progetto porta avanti l’idea del teatro didattico che comprende, oltre al momento finale della rappresentazione, l’iter dei processi che conducono alle forme rappresentative della realtà: il lavoro sul testo (lettura, comprensione, rielaborazione attraverso riassunti e prove di drammatizzazione), stesura del copione, creazione delle scenografie, realizzazione dei costumi e ricerca di basi musicali per accompagnare la piece teatrale. I bambini sono protagonisti, soggetti attivi e partecipi alla realizzazione di un progetto condiviso che accresce l’autonomia, mantiene alta la motivazione, stimola la ricerca e l’auto apprendimento. Quest’anno gli spettacoli finali delle classi quarte e quinte saranno incentrati sulla produzione di Roald Dahl, in occasione della celebrazione del centenario della nascita.

Teatro - Gioco – Vita
a cura dell’Associazione Teatro Viola
Sono laboratori di espressione creativa, a cura del Teatro Viola che dal 2005 opera nell’ambito del teatro- educazione con e per i ragazzi in diverse scuole di Roma, rivolti alla classe 2A e delle classi terze. Gli operatori teatrali, con le loro specifiche competenze, affiancano il lavoro pedagogico degli insegnanti per sostenere i bambini nel loro processo formativo e per incoraggiarli all’espressione creativa propria del linguaggio teatrale attraverso giochi, esercizi fisici e vocali e drammatizzazioni. 
Alla fine dell’anno le classi partecipanti condividono con il pubblico, elemento necessario alla realizzazione concreta del gioco del teatro, il percorso svolto durante l’anno

Laboratorio teatrale
a cura dell’Associazione “Il posto delle fragole”
È un percorso di laboratorio teatrale, rivolto agli alunni delle classi prime, condotto in collaborazione con l’Associazione “Il posto delle fragole” che propone un percorso giocoso e affascinante dedicato al gruppo classe; il lavoro sarà centrato a valorizzare l’identità di ciascuno educando alla responsabilità e alla capacità di apportare contributi significativi nel gruppo nel rispetto di tutti.

Musica Attiva
a cura dell’Associazione CDM

Condotto da operatori esterni del Cdm (Centro Didattico Musicale), è un percorso destinato agli alunni delle classi prime, seconde, terze e quarte che adotta un approccio alla musica inteso come esperienza aperta a più dimensioni, fatta di movimento, danza, voce, ascolto, pensiero, relazione, invenzione e immaginazione. La metodologia adottata fa riferimento all’esperienza dell’Orff Schulwerk e a elementi della teoria dell’apprendimento musicale di E. Gordon.È prevista una lezione aperta a metà anno per mostrare ai genitori il processo di apprendimento e l’approccio metodologico e un’esibizione finale al termine del progetto come momento valutativo e conclusivo del percorso svolto. 

 

 INTERAGIRE CON GLI ALTRI E L’AMBIENTE ESTERNO

Dal mio punto di vista
È un percorso che si svolge a cadenza settimanale nella classe VB. Attraverso l’ausilio di molteplici strumenti tecnologici (Lim, macchine fotografiche, computer…) i bambini “catturano”, in modo personale, aspetti della realtà per realizzare ciascuno piccoli filmati, foto, testi e disegni che saranno poi montati ed assemblati per creare un unico ed originale prodotto. 

Scuola in famiglia
Condotto nelle classi quinte, il progetto prevede il coinvolgimento di genitori e nonni nella lettura di favole e poesie scelte dalle insegnanti e nell’analisi collettiva dei contenuti e delle tematiche affrontate. Il progetto mira a creare un clima di collaborazione e partecipazione attiva con le famiglie.

Sport di classe

Rappresenta la continuazione dell’esperienza realizzata negli ultimi anni con il progetto sperimentale di Alfabetizzazione Motoria. Il progetto, a cura del Miur e del Coni, grazie all’inserimento del Tutor Sportivo nell’ambito della progettazione di classe, rappresenta un momento di informazione/formazione iniziale e in itinere per gli insegnanti e mira a diffondere tra gli studenti i valori educativi dello sport (inclusione, integrazione, fair play, ecc). http://www.progettosportdiclasse.it/

Cricket
Promosso dalla Federazione Cricket Italiana, affiliata al C.O.N.I. per diffondere il cricket presso le realtà giovanili in età scolare, l’iniziativa interessa gli alunni delle classi quarte. Il progetto pone l’attenzione sulla interiorizzazione e sull’ applicazione del rispetto delle regole sfruttando le doti interiori di questo sport che sono concentrazione, pazienza e responsabilità. Trattandosi di uno sport tipicamente anglofono, viene posto l’accento anche sulla interdisciplinarietà tra attività ludico- sportiva e pratica della lingua inglese. 

Share :
Avvisi

Link utili






Rapporto di Autovalutazione